fbpx

Dopo No Vax e No Green arrivano i “No fascicolo sanitario”

Dopo No Vax e No Green arrivano i “No fascicolo sanitario”

Dopo No Vax e No Green arrivano i “No fascicolo sanitario”

Il timore di essere schedati. La sanità per loro è un pericolo perché se i loro dati di salute vengono archiviati nel Fascicolo sanitario elettronico temono di finire nelle grinfie di Big Pharma. Dopo i No Vax e i No Green pass arrivano i No Fascicolo: si stanno manifestando principalmente sulla rete, agitano blog e social perché vedono nel Fse un altro strumento di controllo.

Secondo quanto riporta "la Repubblica" malgrado l'apparente ondata di contrari sulla rete, al momento l'opposizione è stata fatta da un numero esiguodi persone. Al 25 giugno erano 90.640 (dei quali 6.371 minorenni), lo 0,15% degli italiani. È vero che in molti non sanno probabilmente nulla della scadenza del 30 giugno, annunciata oltre che dai media, ad esempio dalla app della pubblica amministrazione, "Io" ,  ma il dato è bassissimo. La rete di mobilita quanto sentono odore di "uno strumento di controllo dei corpi dei cittadini" (per usare le parole di un avvocato dell'area). Che sia un vaccino oppure altro che permette al paziente di avere sempre sotto mano la sua storia sanitaria (referti, dimissioni, farmaci assunti) e al medico di consultarla.

Incubo 30 giugno

La data che mette in agitazione il mondo dei No fascicolo è il 30 giugno: entro quel giorno chi vuole può opporsi al trasferimento all'interno del fascicolo dei suoi dati sanitari raccolti tra il 2012 eil 19 maggio 2020. Per farlo deve seguire la procedura sul sito "www.sistemats.it". Il Fse in realtà è un vecchio progetto partito in buona parte delle Regioni che in base al Pnrr dovrebbe diventare finalmente nazionale e così aggiungere trasformasi in Fse 2.0.

risuser

Articoli simili

Lascia una risposta

Chiusi
Chiusi

Inserisci il tuo username o il tuo indirizzo email. Riceverai via email un link per creare una nuova password.

Chiusi

Chiusi