fbpx

Raddoppio del Ponte Corleone a Palermo, pronto entro il 2026

Raddoppio del Ponte Corleone a Palermo, pronto entro il 2026

Raddoppio del Ponte Corleone a Palermo, pronto entro il 2026

Una sterzata decisa sul miglioramento della viabilità da e verso Palermo e un intervento diretto su un problema che si protrae da più di vent’anni: il raddoppio di ponte Corleone sarà pronto entro il 2026, con un finanziamento di 17.5 milioni dai fondi Poc (Piano operativo complementare) nell’ambito della programmazione 2014-20. Ad annunciarlo, in una conferenza stampa tenutasi all’ingresso del raccordo autostradale in corrispondenza dell’ex Baby Luna, è il presidente della Regione Renato Schifani insieme all’assessore regionale alle Infrastrutture Alessandro Aricò e al sindaco di Palermo Roberto Lagalla.
I lavori partiranno entro il prossimo mese e, secondo quanto riportato dall’assessore comunale ai Lavori pubblici Totò Orlando, è previsto il completamento di uno dei due sensi di marcia (quello in direzione Catania) entro i primi mesi del 2025: al termine degli interventi il numero di corsie passerà da quattro a otto, dando un importante respiro al traffico cittadino.L’aspetto su cui per Schifani vi è maggiore soddisfazione è l’aver recuperato “fondi che sembravano persi, perché con la vecchia programmazione non si era riusciti a utilizzarli: è un segno che la Regione non è rimasta con le mani in mano e che il nostro governo è compatto, lavora di squadra e sa affrontare le emergenze”.
Adesso, secondo il governatore regionale, sarà fondamentale che le tempistiche seguano la tabella di marcia: “Se i tempi saranno rispettati, e saremo vigili su questo, riusciremo a vedere la fine dei lavori entro fine legislatura, verosimilmente nel 2026. Il finanziamento è consistente e consentirà, nel giro di pochi anni, di dare respiro a un’arteria strategica per entrare e uscire da Palermo: faremo in modo che attraverso le premialità i fondi possano essere rispettati, premiare le industrie che rispettano i tempi è uno stimolo”.
Per Aricò lo sblocco del finanziamento rappresenta un punto di arrivo del lavoro portato avanti dalla Regione da avvio legislatura e di partenza per quanto riguarda la nuova vita del ponte Corleone e della viabilità palermitana: “Fin dall’inizio abbiamo lavorato per trovare le risorse che finanziassero il 100% dell’opera – sottolinea –. Ci sono voluti mesi per rastrellare questi 17.5 milioni, ma ora potranno finanziare l’opera nella sua interezza senza che questi soldi arrivino dal Fsc o dal Pnrr. Quest’intervento, che i siciliani attendevano da tempo, permetterà a ponte Corleone di passare dalle quattro alle otto corsie con dimezzamento dei tempi di percorrenza, meno emissioni di anidride carbonica e migliore qualità della vita per i viaggiatori”.
Lagalla evidenzia come il completamento dell’opera sia un vero e proprio punto di svolta sulla mobilità in città, ma a questo dovranno necessariamente affiancarsi altri interventi: “Sin dall’insediamento questa amministrazione comunale ha provveduto al finanziamento di interventi per il consolidamento di quest’arteria, il ripristino del regolare flusso di traffico e un’azione tempestiva sulla conclusione in tempi brevi dei lavori: tutto ciò ci permetterà di avere meno ostacoli in questa zona di deflusso della città. Ora puntiamo a intervenire sulle strade che abbiamo trovato più dissestate e per le quali i cittadini palermitani chiedono a gran voce la rifunzionalizzazione: stiamo contrattando con la Regione per quanto riguarda le risorse, perchè sappiamo che quelle europee non possono essere utilizzate e quelle del Comune non sono significative. Auspichiamo inoltre un intervento normativo sull’intero asse viario della circonvallazione entro la fine di questa legislatura: ne verificheremo la fattibilità entro i prossimi mesi”.
Soddisfazione anche da parte di Orlando per aver trovato “una soluzione definitiva a una delle più grandi incompiute di questa città: lavori del genere dalle nostre parti non si erano mai visti, adesso riusciamo a completare l’intervento entro pochi mesi. Quest’opera darà fiducia ai cittadini palermitani ed eviterà alla Sicilia di essere tagliata in due da 130 metri di strada”.
(ITALPRESS)

risuser

Articoli simili

Lascia una risposta

Chiusi
Chiusi

Inserisci il tuo username o il tuo indirizzo email. Riceverai via email un link per creare una nuova password.

Chiusi

Chiusi