fbpx

Attività sportiva, troppi gli italiani che non hanno ripreso dopo il Covid

Attività sportiva, troppi gli italiani che non hanno ripreso dopo il Covid

Attività sportiva, troppi gli italiani che non hanno ripreso dopo il Covid

ROMA - La pandemia da Covid ha reso impossibile praticare moltissime attività, tra cui quelle sportive. Si pensi infatti che, secondo i dati diffusi dal report Coni-Istat, nel 2020 lo sport italiano ha perso quasi due milioni di tesserati e oltre 5mila associazioni. Un dato che, nonostante l’attenuarsi del virus, non è migliorato: secondo il report di Opes, Rete nazionale di Terzo Settore e di Promozione Sportiva, a giugno del 2021 solo il 38% del campione degli intervistati aveva ripreso l’attività sportiva.

Ed è per questo che - con il contributo della Presidenza del Consiglio dei Ministri – dipartimento per lo Sport – Opes ha varato il progetto “Percorsi di Sport” con l’obiettivo di incentivare la ripresa e riavvicinare le persone all’attività fisica e sportiva dopo l’emergenza pandemica.

Il progetto si è articolato in tre azioni distinte. La prima, incentrata su webinar e incontri on-line, ha avuto come focus principali l’inclusione sociale delle persone con disabilità, la parità di genere, l’integrazione, la legalità, la lotta al bullismo e al cyberbullismo, la promozione di sani stili di vita; gli incontri sono stati tenuti da formatori ed educatori affiancati dai tanti testimonial del mondo dello sport, tra cui il campione Simone Perrotta, il capitano della Roma Calcio Amputati Arturo Mariani, la pugile olimpica Rebecca Nicoli, l’atleta paralimpica Annalisa Minetti, il calciatore freestyle Dario Piantadosi, l’ex pugile Emanuele Blandamura, il Maestro Gianni Maddaloni, gli ex rugbisti Mauro Bergamasco e Paola Zangirolami, la campionessa del mondo di kickboxing Elena Pantaleo, la pugile Maria Moroni e l’atleta paralimpico Emiliano Malagoli.

La seconda linea d’intervento ha impegnato i ragazzi di associazioni e Istituti scolastici di sette province italiane (Roma, Latina, Chieti, Torino, Cagliari, Agrigento e Milano) nella produzione di video-spot e claim all’interno di un concorso on-line: corsi di formazione sulla comunicazione sportiva, produzione e post-produzione hanno guidato i ragazzi in questa attività.

Per la terza linea d’azione sono stati organizzati invece una serie di eventi in presenza gratuiti e accessibili a tutti, dai più piccoli alle famiglie, grazie ai Villaggi dello Sport in cui sono state promosse discipline sportive olimpiche e paralimpiche, esaltando lo spirito socializzante, aggregante e inclusivo della pratica sportiva.

Al termine del progetto, secondo gli stessi intervistati, circa il 62% (+24%) ha ripreso l’attività sportiva. E secondo il presidente di Opes, Juri Morico, questo dato attesta quanto, nonostante l’orgoglio per il percorso fatto, “si è consapevoli del fatto che, per riportare il comparto dello sport ai livelli pre-pandemici, siano necessarie altre e ulteriori iniziative simili, in aggiunta ad azioni sistemiche, in grado di favorire il dialogo tra i player della politica, dello sport di vertice e dell’associazionismo sportivo”.

Secondo il presidente, infatti, “è importante, soprattutto in questo periodo, che si lavori affinché, di fianco alla sensibilizzazione per riavvicinare persone al mondo dello sport, si giunga concretamente a rendere operative tante dinamiche. Opes nello specifico – continua – sta per iniziare una rete di collaborazione con tante Federazioni per approcciarsi e sperimentare nuovi modelli di collaborazione con Istituzioni e corpi intermedi”.

risuser

Lascia una risposta

Chiusi
Chiusi

Inserisci il tuo username o il tuo indirizzo email. Riceverai via email un link per creare una nuova password.

Chiusi

Chiusi