fbpx

Miccichè “Alla Sicilia occorre una larga alleanza o si rischia grosso”

Miccichè “Alla Sicilia occorre una larga alleanza o si rischia grosso”

Miccichè “Alla Sicilia occorre una larga alleanza o si rischia grosso”

PALERMO – “Non cerco sponde” in altri partiti, “io sono stato a lungo uno dei più convinti assertori del maggioritario”, ma “oggi ho capito che per l’Italia è il sistema sbagliato” perchè “appena uno vince le elezioni, gli altri si mettono insieme fra loro d’accordo con le Procure, per farlo cadere. E’ un inarrestabile meccanismo di oddio. Accantoniamo il maggioritario e torniamo al proporzionale: ci salviamo solo grazie all’enorme credibilità di Mario Draghi”.
Così il presidente dell’Assemblea regionale siciliana, Gianfranco Miccichè, in un’intervista al “Giornale di Sicilia”. In Sicilia “mi interessa di più avere un modello di governo uguale a quello nazionale, convinto come sono che a Roma non si potrà fare a meno di trovare una soluzione perché il successore di Draghi sia ancora Draghi. Sposiamo una linea identica a quella di Roma, oppure – osserva il coordinatore regionale di Forza Italia – rischiamo davvero grosso”. E in più, aggiunge, “abolirei l’elezione diretta del presidente della Regione. Magari la reintroduciamo tra 10 anni. Se vogliamo evitare quello cuii assistiamo spesso all’Ars – liti furibonde, guerre, arroganza da una parte e dall’altra – serva una via diversa. Mi sono spesso trovato in imbarazzo e difficoltà davanti a questa chiara volontà di creare ogni volta lo scontro. Ma basta”. Il centrodestra “è la mia vita da 25 anni e ne sono felice. Cracolici forse ha ragione quando dice ‘c’è ancora il centrodestra?’. Io ho altrettanto ragione quando gli rispondo “ma c’è mai stato il centrosinistra?’. E’ chiaro che c’è una crisi complessiva”.
Parlando delle Comunali a Palermo, Miccichè rilancia il nome di Giulio Tantillo; ‘bocciatà invece l’idea di Leoluca Orlando alla guida della Regione. “Non ha oggettivamente senso. Se dovessi passare una serata con lui glielo sconsiglierei fortemente, non credo sia più nelle condizioni, nell’età, nella lucidità digitale – lui è il massimo dell’analogico, come me – per guidare la Regione”. (ITALPRESS).

risuser

Lascia una risposta

Chiusi
Chiusi

Inserisci il tuo username o il tuo indirizzo email. Riceverai via email un link per creare una nuova password.

Chiusi

Chiusi