fbpx

Stupro alla Villa Bellini, identificati tutti i carnefici

Stupro alla Villa Bellini, identificati tutti i carnefici

Stupro alla Villa Bellini, identificati tutti i carnefici

"E’ stato lui, è lui uno dei due che mi hanno violentata”. La giovane 13enne catanese vittima di violenza sessuale di gruppo nella Villa Bellini di Catania non ha avuto alcun dubbio nel riconoscere il settimo fermato dai Carabinieri del comando provinciale. L’indagato è risultato essere da poco maggiorenne e quindi la sua posizione sarà trattata dalla Procura distrettuale, mentre quella per i minorenni ha un fascicolo su altri due dei sette egiziani coinvolti.

Identificati tutti i carnefici della povera 13enne alla Villa Bellini

Secondo quanto sostenuto dall'accusa, il neo maggiorenne sarebbe uno dei due indagati che avrebbe abusato, assieme a un minorenne, della ragazzina. La vittima ha identificato in tutto tre componenti del “branco”. Sono un minorenne e un maggiorenne, che avrebbero commesso gli abusi. E un altro egiziano che la bloccava, impedendole di sottrarsi alla violenza. Il settimo fermato è stato sottoposto a tampone per prelevare materiale biologico.

Ora il test del dna

Dal tampone eseguito sarà estratto il Dna da confrontare con le tre tracce ematiche, seminali e salivari trovate negli slip della 13enne dai Carabinieri della Sezione investigazioni scientifiche del nucleo investigativo di Catania e analizzati dal Ris di Messina. I primi esami hanno permesso di accertare che appartenevano alla vittima e a uno dei minorenni fermati. Il terzo Dna al momento è di ‘ignoti’, in attesa della comparazione con quello del settimo fermato.

risuser

Lascia una risposta

Chiusi
Chiusi

Inserisci il tuo username o il tuo indirizzo email. Riceverai via email un link per creare una nuova password.

Chiusi

Chiusi