fbpx

Prestiti in convenzione Inps: chi può ottenerli e come fare richiesta

Prestiti in convenzione Inps: chi può ottenerli e come fare richiesta

Prestiti in convenzione Inps: chi può ottenerli e come fare richiesta

I dipendenti pubblici, i pensionati e gli iscritti a Gestioni previdenziali o assistenziali possono richiedere dei prestiti specifici e agevolati.

Ecco le indicazioni fornite dall'Istituto di previdenza per ottenere i prestiti, le tipologie di prestito disponibile, i requisiti e le istruzioni per richiedere un finanziamento secondo la Convenzione INPS entrata in vigore a gennaio 2023.

Cosa sono i prestiti in Convenzione INPS

Si tratta di prestiti agevolati rimborsabili con piccole trattenute sulla pensione, con una rata che arriva al massimo al quinto della pensione, o di altri prestiti a tasso agevolato riservati a dipendenti pubblici, i pensionati e gli iscritti a Gestioni previdenziali o assistenziali facenti capo all'Inps.

Le tipologie di prestiti Inps disponibili

In breve questi sono i prestiti in Convenzione INPS indicati sul sito ufficiale dell'Istituto nazionale di previdenza:

  • Fondo rischi: consente di richiedere il rimborso della quota capitale di presiti erogati da banche e intermediari finanziari convenzionati a pensionati (ex INPDAP e INPS) deceduti prima di aver estinto il prestito.
  • Cessione del quinto della pensione;
  • Piccolo prestito agli iscritti Gestione Unitaria delle prestazioni creditizie e sociali e al personale di Poste Italiane SpA iscritto alla Gestione Fondo Credito (ex IPOST);
  • Prestito Small agli iscritti alla Gestione Assistenza Magistrale ex ENAM;
  • Prestito pluriennale diretto per iscritti Gestione Unitaria delle prestazioni creditizie e sociali e al personale di Poste Italiane SpA iscritto alla Gestione Fondo Credito ex IPOST.

Cos'è e come funziona la cessione del quinto della pensione

La forma più comune di prestito in Convenzione con l'Inps è la cessione del quinto della pensione. Si tratta di un "prestito che il pensionato può ottenere da una banca o da un intermediario finanziario, rimborsabile attraverso un addebito automatico mensile che l'INPS effettua sulla sua pensione". La rata non può superare il quinto della pensione.

Il pensionato può richiedere il documento di cedibilità della pensione, con l'importo massimo della rata del finanziamento, direttamente all'INPS e poi recarsi in una banca o una società finanziaria convenzionata con l'Istituto per richiedere il finanziamento. L'INPS verserà la quota stabilità all'Istituto finanziario trattenendola direttamente dalla pensione.

La durata massima di questa tipologia di prestito agevolato è di 10 anni e la rata dipende dall'importo della pensione (non può mai superare il quinto della pensione). L'Istituto specifica che: "L'importo cedibile è calcolato al netto delle trattenute fiscali e previdenziali, con salvaguardia del trattamento minimo stabilito annualmente dalla legge per l’Assicurazione Generale Obbligatoria (AGO)".

Cessione del quinto della pensione, a chi è rivolta e chi può ottenerla

Chi può ottenere la cessione del quinto della pensione in convenzione con l'INPS? Di fatto tutti i titolari di pensione, a eccezione di:

  • assegni e pensioni sociali;
  • invalidità civili;
  • assegni mensili per l’assistenza ai pensionati per inabilità;
  • assegni di sostegno al reddito (VOCRED, VOCOOP, VOESO, CRED27, COOP28);
  • assegni al nucleo familiare;
  • pensioni con contitolarità per la quota parte non di pertinenza del soggetto richiedente la cessione;
  • prestazioni di esodo ex art. 4, commi 1-7 ter, legge 28 giugno 2012, n. 92;
  • APE Sociale.

Piccolo prestito e prestiti pluriennali

Questo servizio dell'INPS permette di ottenere "piccoli prestiti a breve termine che coprono esigenze familiari per gli iscritti al Fondo Credito e il personale Poste Italiane SpA in attività di servizio iscritto alla Gestione Fondo Credito ex IPOST". Si possono richiedere importi pari a una, due, tre o quattro mensilità nette di stipendio o di pensione da rimborsare in 12, 24, 36 e 48 rate. Per il pensionato la trattenuta per piccolo prestito non può superare il quinto cedibile.

Sulla rata di questi prestiti in convenzione con l'INPS, incidono: un tasso di interesse nominale annuo in relazione alla Gestione di appartenenza del richiedente, un’aliquota per spese di amministrazione dello 0,5%; un premio fondo rischi applicato per fasce di età alla scadenza e di durata del prestito.

Per ottenere questa tipologia di prestito bisogna rispettare questi requisiti:

  • vantare almeno un anno di servizio continuativo utile a pensione;
  • avere una retribuzione fissa e continuativa per l'intera durata del contratto;
  • avere un contratto di lavoro a tempo indeterminato o determinato non inferiore a tre anni.

La domanda si fa online. I pensionati iscritti al Fondo Credito e gli iscritti alla Gestione Fondo Credito ex IPOST possono anche usare il Contact center al numero 803 164 (gratuito da rete fissa) o 06 164 164 da rete mobile o, in alternativa, rivolgersi a enti di patronato e intermediari dell'INPS.

Come documenti, per richiedere il finanziamento servono: l'ultimo cedolino di stipendio o pensione, dichiarazione sostitutiva di atto notorio del richiedente, copia di un documento in corso di validità.

Il prestito SMALL

Il prestito Small in convenzione con l'INPS è riservato agli iscritti in attività di servizio alla Gestione Assistenza Magistrale ex ENAM e consiste nell'erogazione di somme di importo fino a due mensilità nette dello stipendio per soddisfare le esigenze familiari quotidiane del richiedente. La prestazione è concessa, però, nei limiti delle disponibilità finanziarie dell'INPS.

Il requisito per richiederlo è l'iscrizione alla Gestione Assistenza Magistrale: può essere d'ufficio (come per i dipendenti della scuola pubblica) o a domanda (come per insegnanti di scuole parificate, insegnanti di religione) con almeno 5 anni di contribuzione. I prestiti di questo tipo in convenzione con l'INPS si possono estinguere in 12 o 24 rate consecutive.

L’importo del prestito non può superare due mensilità nette dello stipendio attuale, comprensive degli assegni continuativi e fissi, escluse le voci variabili. E sull'importo gravano: un tasso di interesse nominale annuo dell’1,50%; un’aliquota per spese di amministrazione dello 0,5%; un premio Fondo Rischi, applicato per fasce di età alla scadenza e di durata del prestito. Infine, si ricorda che è possibile rinnovare il prestito dopo aver versato 5 mensilità (prestito annuale) o 10 (prestito biennale).

Prestiti pluriennali INPS, ecco per chi

I prestiti pluriennali dell'INPS si possono richiedere per affrontare documentate necessità personali e/o familiari e sono riservati a:

  • dipendenti pubblici e i pensionati iscritti alla Gestione Unitaria delle prestazioni creditizie e sociali (Fondo Credito GDP);
  • il personale di Poste Italiane SpA in attività di servizio iscritto alla Gestione Fondo Credito ex IPOST.

Il prestito può avere durata quinquennale, da restituire in 60 rate mensili, o decennale da restituire in 120 rate mensili. Sull'importo complessivo gravano: il tasso nominale annuo, un’aliquota per spese di amministrazione dello 0,5% e il premio fondo rischi. I requisiti per ottenere i prestiti sono:

  • 4 anni di anzianità di servizio utile ai fini pensionistici e 4 anni di contribuzione alla gestione di riferimento;
  • retribuzione fissa e continuativa al momento di presentazione della domanda;
  • contratto di lavoro a tempo indeterminato o di un contratto di lavoro a tempo determinato non inferiore a tre anni.

Come richiedere i prestiti in Convenzione Inps

Alcuni prestiti in convenzione con l'INPS si possono richiedere - come indicato precedente - online, ma di solito si agisce tramite enti e banche convenzionate. I documenti da presentare di solito sono pochi: documento di identità, tessera sanitaria, cedolino e - per la cessione del quinto - il documento rilasciato dall'INPS.

Quali banche sono convenzionate con l'INPS

  • Adv Finance Spa
  • Agos Ducato
  • Avvera
  • Banca della nuova terra
  • Banca di credito popolare società cooperativa per
  • Banca di sconto S.P.A
  • Banca nazionale del lavoro S.P.A
  • Banca popolare del Frusinate;
  • Banca popolare pugliese SCPA
  • Banca progetto S.P.A.
  • Banca Sistema S.P.A.;
  • Bibanca S.P.A.;
  • Blu banca;
  • CAP.ITAL.FIN S.P.A.
  • Cassa depositi e prestiti;
  • Cassa Maurizio Capuano
  • Centro finanziamenti S.P.A.
  • Cofidis;
  • Compass Banca S.P.A.
  • Creditis Servizi Finanziari S.P.A.
  • Credito Emiliano S.P.A;
  • Dynamica Retail S.P.A.;
  • Fides - Ente commissionario per facilitazioni ratea;
  • Fiditalia S.P.A.;
  • Figenpa S.P.A;
  • Financit S.P.A.;
  • Fincontinuo;
  • Findomestic Banca S.P.A.;
  • Fucino Finance S.P.A.;
  • IBL Banca S.P.A. - Istituto bancario del lavoro;
  • Imprebanca S.p.a;
  • Intesa Sanpaolo S.P.A.
  • Istituto finanziario europeo S.P.A;
  • Istituto finanziario veneto romagnolo S.P.A.
  • Italcredi S.P.A
  • MCE Finance S.P.A;
  • Pitagora S.P.A;
  • Prestipay S.P.A;
  • Prestitalia S.P.A;
  • Prexta S.P.A;
  • Santander Consumer Bank S.P.A.
  • Sella Personal Credit S.P.A.
  • Sigla S.R.L
  • Siriofin S.P.A;
  • Spefin Finanziaria S.P.A;
  • Unicredit S.P.A;
  • Vivibanca S.P.A (ex Crediter)
  • We finance S.P.A.

Vantaggi e svantaggi

I prestiti in Convenzione con l'INPS hanno i seguenti vantaggi:

  • Tassi agevolati;
  • Flessibilità;
  • Non servono garanti o ipoteche;
  • Copertura assicurativa a tutela del richiedente.

I "contro" sono l'impossibilità di accedere ai prestiti in questione dai dipendenti privati e - per i prestiti pluriennali - serve una motivazione. A volte, in base anche all'entità del prestito, i tempi potrebbero essere lunghi, come accade anche per altre tipologie di rischio.

risuser

Lascia una risposta

Chiusi
Chiusi

Inserisci il tuo username o il tuo indirizzo email. Riceverai via email un link per creare una nuova password.

Chiusi

Chiusi