fbpx

Assegno Unico: il calendario dei pagamenti luglio - dicembre 2024

Assegno Unico: il calendario dei pagamenti luglio - dicembre 2024

Assegno Unico: il calendario dei pagamenti luglio – dicembre 2024

L'Inps ha pubblicato il calendario ufficiale dei pagamenti dell'assegno unico e universale per figli a carico da luglio a dicembre 2024. Ecco tutte le informazioni contenute nel messaggio 20 giugno 2024, n. 2302/3 dell'Istituto nazionale di previdenza sociale, che contiene novità anche relativamente alle funzionalità per la gestione della maggiorazione per genitori entrambi lavoratori in caso di domande presentate da nuclei vedovili.

Assegno unico Inps, pagamenti da luglio a dicembre 2024

Ecco quando verrà pagato l'assegno unico - misura di sostegno al reddito per nuclei con figli a carico - nel secondo semestre del 2024:
  • 17, 18, 19 luglio 2024;
  • 16, 19, 20 agosto 2024;
  • 17, 18, 19 settembre 2024;
  • 16, 17, 18 ottobre 2024;
  • 18, 19, 20 novembre 2024;
  • 17, 18, 19 dicembre 2024.
L'Inps ricorda che il pagamento della prima rata dell'assegno unico avviene di norma nell'ultima settimana del mese successivo alla presentazione di domanda. Nella stessa data, l'Inps eroga anche l'importo delle rate spettanti nell'ipotesi in cui ci sia stato un conguaglio a debito/a credito.

Novità sulle maggiorazioni

I nuovi messaggi dell'Inps sull'assegno unico non contengono solo il calendario dei pagamenti luglio - dicembre 2024. L'Istituto, infatti, ricorda anche che "in caso di presentazione di una nuova domanda di Assegno unico da parte di un nucleo familiare monogenitoriale, con motivazione 'altro genitore deceduto', la procedura propone la compilazione di un ulteriore campo con il codice fiscale del genitore deceduto, al fine di verificare il diritto". Chi avesse già presentato la domanda riceverà comunicazione per integrarla e usufruire della maggiorazione spettante. L'integrazione del codice fiscale si può fare online, dal portale Inps, accedendo alla sezione “Consulta e gestisci le domande già presentate”, selezionando la voce “Modifica” e successivamente “Scheda”.

Attenzione alla scadenza del 30 giugno

Si ricorda che al 30 giugno scade il termine ultimo per presentare la Dichiarazione Unica Sostitutiva per chi non ha presentato l'ISEE aggiornato entro il 29 febbraio 2024. Rispettare questa seconda scadenza è fondamentale per non perdere gli arretrati e le maggiorazioni spettanti.

Cosa fare per non perdere gli arretrati dell'assegno unico 2024

Per non perdere gli arretrati dell'assegno unico, basta presentare la DSU entro il 30 giugno.

risuser

Articoli simili

Lascia una risposta

Chiusi
Chiusi

Inserisci il tuo username o il tuo indirizzo email. Riceverai via email un link per creare una nuova password.

Chiusi

Chiusi