fbpx

Regione siciliana, serve personale capace. Le risposte dell'assessore Messina

Regione siciliana, serve personale capace. Le risposte dell'assessore Messina

Regione siciliana, serve personale capace. Le risposte dell’assessore Messina

Qualche settimana fa i Cobas hanno lanciato un appello al Governo Schifani: procedere subito alla valorizzazione del personale della Regione siciliana.

“La Regione siciliana si appresta, nell'ambito della prossima programmazione comunitaria con i fondi PoFesr 2021-2027 a utilizzare una porzione di risorse per finanziare nuove assunzioni. Rivendichiamo, come Cobas/Codir, che si parta innanzitutto dalla valorizzazione, riqualificazione e riclassificazione, in un nuovo sistema classificatorio, di tutto il personale già in servizio per potenziare la capacità amministrativa della Regione. Necessita, infatti, un'immediata riclassificazione del personale e un'immediata successiva apertura dei concorsi pubblici per tutte le postazioni disponibili”, avevano scritto in una nota i sindacati.

“Rivendichiamo con forza il diritto a percorsi di crescita professionale dei dipendenti regionali - avevano ribadito i Cobas - cui vengono negati, da più di trenta anni, legittimi percorsi di carriera e la conseguente necessità della riorganizzazione della macchina amministrativa facendo nuove assunzioni, anche per dare risposta a tanti giovani potenziando con nuove leve la macchina amministrativa”.

Riqualificazione personale, le risposte dell'assessore Messina

Posto che al momento vige il blocco delle assunzioni, è lecito interrogarsi sulla possibilità di valutare come percorribile la proposta dei Cobas. Assessore Messina, valuterebbe l’ipotesi di corsi di formazione e di riqualificazione del personale interno (o addirittura concorsi interni, qualora fosse possibile) volti a migliorare competenze e capacità amministrativa dell’Ente regionale?

“La riqualificazione del personale della Regione fa parte del nostro programma”.

Come intende procedere?

“Dobbiamo da un lato, intervenire sull’aspetto contrattuale colmando un ritardo di relativo a due rinnovi e dall’altro, dobbiamo riclassificare e riqualificare il personale. Per quanto riguarda i contratti, l’ultimo rinnovo è del 2019 e risultano non adeguati quelli relativi ai trienni 2018-2020 e 2020-2022. Purtroppo la precedente Amministrazione non è riuscita a definire i rinnovi e oggi stiamo studiando soluzioni che tengano conto anche dei ritardi degli anni precedenti".

"Per quanto riguarda i concorsi, abbiamo evaso quelli in itinere e, qualora ci fosse una copertura finanziaria adeguata, saremmo pronti ad avviarne di altri. Negli ultimi anni sono stati tanti i dipendenti regionali andati in pensione e occorre inserire nuovo personale giovane e qualificato. Inoltre, la procedura di riclassificazione dei dipendenti è in corso e siamo al lavoro per trovare tutte le soluzioni possibili”.

Ha già avviato una interlocuzione con i sindacati allo scopo di avviare una riorganizzazione degli uffici che tenga conto dei valori di merito e produttività ma soprattutto della digitalizzazione dei servizi?

“Dopo le festività natalizie convocheremo i sindacati con i quali siamo pronti, come sempre, a discutere. Il nostro obiettivo è far crescere la Sicilia dei siciliani. Sappiamo bene che occorre procedere ad una riqualificazione del personale e all’assunzione di gente giovane da inserire nei posti strategici dell’Amministrazione: è infatti anche attraverso il ringiovanimento dei dipendenti che può essere avviato un processo di rinascita e di sviluppo della Sicilia”.

risuser

Lascia una risposta

Chiusi
Chiusi

Inserisci il tuo username o il tuo indirizzo email. Riceverai via email un link per creare una nuova password.

Chiusi

Chiusi