facebook_pixel

Occupazione e condizioni di lavoro. In Sicilia troppi i casi di bassa retribuzione e di part time involontario

Occupazione e condizioni di lavoro. In Sicilia troppi i casi di bassa retribuzione e di part time involontario

Occupazione e condizioni di lavoro. In Sicilia troppi i casi di bassa retribuzione e di part time involontario

Attorno al tema del lavoro ruotano aspetti su cui si misura la soddisfazione dei cittadini, l’efficacia delle politiche locali e centrali, il termometro economico di un determinato territorio. E proprio il tema del lavoro è uno degli indicatori di cui si è servito l’Istat per la realizzazione del Rapporto Bes, di cui abbiano parlato in un precedente articolo, il quale ci offre un quadro delle condizioni del Belpaese da un punto di vista sociale, economico e ambientale.

Ebbene, anche stavolta, analizzando i risultati del Rapporto, si evince l’esistenza di una forbice ancora troppo divaricata tra il Nord e il Sud. Per esempio, nel Mezzogiorno è maggiore la quota di dipendenti con basse retribuzioni: si tratta del 17,2% contro il 7,2% di lavoratori malpagati al Nord. Nelle regioni meridionali, inoltre, resta alta la percentuale di chi teme di perdere il lavoro e ritiene difficile trovarne uno simile. Tale percentuale si attesta all’11,5%, mentre nelle regioni settentrionali si ferma al 7,3%.

Anche in termini di soddisfazione per il lavoro svolto, l’esito dell’indagine varia da zona a zona. Da Roma in su, il 51% dei lavoratori si ritiene molto soddisfatto della professione svolta, mentre al Sud la quota scende al 39,5%. E ancora, stando a quel che riporta il Rapporto Istat, “l’aumento delle stabilizzazioni dei rapporti di lavoro si è concentrato nel Centro-Nord ed è risultato più accentuato per gli uomini e per i laureati”. Le donne restano sempre le più svantaggiate.

Il divario di genere, che rappresenta una questione irrisolta in tutto il territorio nazionale, è comunque più marcato al Sud rispetto al Nord. Nel Mezzogiorno, infatti,  lavora soltanto un terzo delle donne tra i 20 e i 64 anni, contro il 59,1% degli uomini. Il divario del tasso di occupazione per genere è di 26 punti, a fronte di circa 17 punti nel Centro e nel Nord. Come se non bastasse, permane la tradizionale asimmetria nella ripartizione del lavoro familiare, che resta principalmente a carico delle donne, sia nelle regioni meridionali (nel 74,4% dei casi), che in quelle settentrionali (nel 64,8% dei casi). Le donne, poi, sono le vere protagoniste del part time involontario. Nel 2015 queste sono pari al 19,4%, contro una quota molto più contenuta di uomini che, non avendo trovato lavoro a tempo pieno, si sono dovuti accontentare di un contratto part time (6,4%).

In questo quadro dagli esiti variegati, la Sicilia di certo non brilla. Molto basso è, nella nostra Isola, il tasso degli occupati: si parla infatti del 43,4% contro percentuali che sfiorano il 70% nelle regioni del Nord. Anche sulle stabilizzazioni c’è poco di cui vantarsi: tra il 2014 e il 2015 in Sicilia queste si sono fermate al 10,1%, contro cifre che superano ampiamente il 20% al Centro e al Nord.

La nostra Isola, inoltre, assieme alle altre regioni del Mezzogiorno, detiene una delle quote più alte di lavoratori con bassa retribuzione (18,2%). Fanno peggio solo Calabria, Puglia e Campania, dove la percentuale si aggira tra il 19% e il 21%. E ancora, risulta alta l’incidenza degli occupati non regolari sugli occupati regolari. Tale incidenza in Sicilia è pari al 20,3%, mentre al Nord non si va oltre il 10,2%.

Infine, nell’Isola la quota di persone con un part time involontario si attesta al 16,9% ed è la più alta d’Italia. Evidentemente, la difficoltà a trovare lavoro è tale che molti finiscono per accontentarsi. Eppure, neanche molto tempo fa, il vecchio governo si vantava di aver conseguito risultati positivi grazie al jobs act. Forse, nel computo dei ministri, la Sicilia non era stata considerata.

Oriana Sipala

Vedi anche: Istruzione e formazione, Sicilia al palo. I numeri del Rapporto Bes dell'Istat

oriana sipala

Articoli simili

Lascia una risposta

Chiusi
Chiusi

Inserisci il tuo username o il tuo indirizzo email. Riceverai via email un link per creare una nuova password.

Chiusi

Chiusi